Big City Life: Alla scoperta dei murales tra i palazzi di Tor Marancia a Roma

 

Big City Life è un progetto realizzato tra gennaio e febbraio 2015 per trasformare il quartiere di Tor Marancia in un museo.

L’iniziativa è stata di Stefano S. Antonelli, diventato poi il curatore, con la consulenza di Gianluca Marziani.

I finanziamenti sono stati del 55% da parte di 999Contemporary, per il 25% da Fondazione Roma, per il 20% dal Bando Roma Creativa 2015 e condiviso con ATER del Comune di Roma.

Big City Life

La storica borgata ha attuato una vera magia e riqualificazione artistica del proprio quartiere e nel suo intento ha coinvolto la comunità locale, le scuole e le associazioni di quartiere.

Big City Life

Le oltre 500 famiglie che abitano le case popolari dello storico lotto 1 di Tor Marancia di proprietà ATER del Comune di Roma, hanno incontrato e accolto ventidue artisti, convenuti a Roma da dieci paesi del mondo per dipingere l’intero quartiere.

Big City Life

Ogni artista ha realizzato la propria opera sulle facciate delle 11 palazzine del comprensorio di via di Tor Marancia 63. Solo alcune opere, tuttavia, sono visibili dalla strada, per ammirarle tutte bisogna entrare nel comprensorio e per approfondire la visita, un libro e un documentario raccontano genesi, difficoltà, intenzioni, entusiasmi e le opere di questa incredibile avventura tra arte, azione, educazione, ma soprattutto partecipazione.

Big City Life

Il progetto Big City Life è stato un progetto “partecipato” proprio perché ha visto coinvolti fin da subito gli abitanti del quartiere, che sono stati fondamentali per gli artisti nella scelta di cosa rappresentare nelle varie facciate: ognuna delle opere rappresentate sulle facciate infatti è legata ad
una storia che riguarda il condominio specifico su cui l’opera è stata dipinta, ed è stata precedentemente discussa e approvata dagli stessi condomini.

Big City Life

 

Le opere del progetto Big City Life raccontano ognuna a proprio modo una storia, un vissuto della comunità locale o dell’artista. Alcune delle opere rappresentate sono:

Il Peso della Storia – artista Jaz

È stata l’opera pilota. L’artista argentino di origini italiane, ha rappresentato un lottatore argentino che tiene sulle spalle un lottatore italiano, a significare metaforicamente il legame storico che unisce l’Argentina all’Italia, con probabile riferimento ai flussi migratori del dopoguerra.

Big City Life

Il bambino redentore – artista Seth

In questo murale, opera del francese Seth, è rappresentato un bambino visto di spalle che si arrampica su un muro del palazzo nel desiderio di poter guardare oltre gli edifici di cemento. Questa immagine che sembra rappresentare l’immaginazione l’innocenza dei bambini che sono curiosi di conoscere il mondo, nasconde in verità un significato più profondo e legato alla storia del condominio: il bambino raffigurato sarebbe Luca, che è vissuto in quel condominio e che è morto in quel comprensorio, dopo un incidente avvenuto mentre giocava a calcio.

Big City Life

Elisabetta – artista Philippe Baudelolocque

La mano di Philippe è tra le opere preferite dagli abitanti. Nel linguaggio di Baudelocque la mano rappresenta l’umanità e al suo interno ha raffigurato l’universo che abitiamo nelle sue forme note e ignote, quella che possiamo definire una costellazione dell’umanità, ma quella non è una mano
qualsiasi, è la mano di Elisabetta Pedriacci che abita in quel palazzo, al secondo piano.

Big City Life

Hic Sunt Adamantes – artista Diamond

È uno dei fondatori dell’arte urbana di scuola romana. Il suo è stato il primo muro realizzato a gennaio; è sua la sua splendida facciata art nouveau con l’incursione pop del drago cinese che ricorda Shanghai.

Big City Life

Welcome to Shanghai 35 – artista Caratoes

Caratoes è un’artista cinese e vive a Hong Kong. Arrivata a Tor Marancia ha accolto la storia di Tor Marancia-Shanghai con perplessità, non riusciva veramente a capire perché un posto di case allagate venisse chiamato: Shanghai. Poi la cosa l’ha divertita, ha realizzato il suo lavoro sul muro esterno del Lotto 1 sul quale campeggiava la scritta “Welcome to Shanghai”.

Big City Life

Santa Maria di Shanghai – Nostra signora di shanghai – artista Mr Kevra

Klevra è un’artista romano, di Ostia. L’immaginario di Mr Klevra ruota intorno all’icona bizantina. Nasce così Santa Maria di Shanghai, un’icona protettrice memoria delle origine del quartiere quando quelle case non esistevano ancora, Tor Marancia era fatta di piccole casette un po’ più giù di dove si trova ora, “alla marana” come dicono gli abitanti e si allagava troppo spesso, motivo per cui presero a chiamare quell’insediamento Shanghai. Un’ultima cosa, sembra che l’opera di Mr Klevra sia l’icona bizantina più grande al mondo, non era voluto ma il Guinness dei primati si é interessato all’opera e si pronuncerà presto.

Big City Life

Big City Life vi aspetta nel quartiere popolare di Tor Marancia per scoprire i suoi preziosi murales di un museo a cielo aperto.

foto e testo di Silvia Brutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *