Dietro la vittoria di Raz Degan: il risveglio di massa dell’Uomo ?

“Terra, Dea divina, Madre Natura, che generi ogni cosa e sempre fai riapparire il sole di cui hai fatto dono alle genti; guardiana del cielo, del mare e di tutti gli Dèi e le potenze; per il tuo influsso tutta la natura si quieta e sprofonda nel sonno. E di nuovo quando ti aggrada tu mandi innanzi la lieta luce del giorno e doni nutrimento alla vita con la tua eterna promessa; e quando lo spirito dell’uomo trapassa è a te che ritorna. ….” Erbario Inglese del XII secolo, British Museum.

Su una piccola isola dell’Honduras, per 12 settimane sotto i riflettori di Mediaset, Raz Degan ha ripetutamente nominato Pacha Mama, la Madre Terra, fin dall’antichità invocata e adorata presso le popolazioni andine e sudamericane. Chissà se la produzione del programma “L’Isola dei Famosi” avrebbe mai immaginato di trasformarsi in un canale di divulgazione della scienza dello spirito !  Il protagonista del reality, pur trascorsi decenni, resta coerente al suo famoso “Sono fatti miei” e in effetti, sopravvive e vive l’esperienza di naufrago individualmente, si fa davvero “i fatti suoi”.

Raz catalizza l’interesse del pubblico: in un primo momento lo sferza con l’apparente arroganza verso i compagni d’avventura, un’antropofobia inspiegabile per chi abbia scelto di naufragare, non vittima di flutti e tempeste marine, ma parte contraente di un incarico professionale accettato e sottoscritto.

L’atteggiamento eremitico di Raz inizia a svelarsi rendendolo espressione del paradigma dell’Uomo: la ricerca di cibo e la costruzione di un riparo dalle intemperie per soddisfare le esigenze del fisico, la meditazione, per sintonizzare il proprio spirito con l’armonia della Natura, così vicina e ricca sull’isola, per nutrire l’anima.

Raz si dedica alla contemplazione: inspirando l’aria pura si unisce intimamente alle nubi del cielo, la salsedine del mare gli penetra i polmoni, la sabbia lo accoglie sagomandosi perfettamente a misura del suo corpo e del suo peso, all’ombra della vegetazione, è circondato, immerso nelle espressioni tangibili di Madre Natura.

Raz va oltre: attraverso il silenzio, spesso fastidiosamente interrotto dai chiacchiericci dei compagni, dai loro rumori, sviluppa un atteggiamento maieutico, insegue la conoscenza di sé, testa i propri limiti e tiene desto il senso della ricerca perché sente la necessità di entrare nell’ordine fondamentale del Tutto, come insegnava Platone. Obiettivo: l’appagamento della sfera morale ma anche sociale e politica. Raz racconta nostalgicamente del kibbutz, forma di organizzazione sociale utopistica e instabile, che l’ha accolto dalla nascita fino alla giovinezza, e che è rimasto dentro di lui come il ricordo dolce di una società solidale, giusta, equa. Il mutamento è il nemico inesorabile. Le diverse fasi della sua vita, in parte povera, in parte ricca e mondana, rappresentano fratture dell’anima che ora sente la necessità di saldare.

E riappare Platone, osservando Raz. Sì perché il pubblico, pur condotto a riflettere su spirito ed etica, lo guarda… e non serve fare appello al ricordo del modello che è stato, la bellezza e il fascino di quest’uomo, ormai sulla cinquantina, sono ancora dirompenti. E se la categoria del bello incontra con tale costanza l’armonia interiore, come non trovare in questo naufrago l’incarnazione del “kalòs kai agathòs” ? La sua ricerca spirituale per unirsi all’Ordine di Madre Natura, astrazione della Bellezza ideale, risplende nella sua bellezza sensibile.

Il pubblico è stato rapito. Da spettatore che osservava, spiava, origliava ogni momento della vita di un vip, è diventato interprete di un viaggio antico, condotto per mano, lentamente, è stato trascinato all’interno fino a divenire protagonista della ricerca interiore, fino a condividere e vivere soggettivamente il bisogno dell’Uomo di ritrovare l’identità pura, avulsa dalle contaminazioni esterne.

La vittoria di Raz Degan nell’edizione 2017 dell’”Isola dei Famosi” è stata decretata dalla votazione plebiscitaria dettata dal paradigma dell’essere Uomo. Ognuno ha votato per se stesso.

– Patrizia Indiano

_____________

Tutte le foto courtesy di Mediaset. Copyright © 1999-2017 RTI S.p.A. Interactive Media

2 pensieri riguardo “Dietro la vittoria di Raz Degan: il risveglio di massa dell’Uomo ?

  • 22 aprile 2017 in 13:50
    Permalink

    Articolo davvero interessante!

    Risposta
    • 22 aprile 2017 in 16:20
      Permalink

      Grazie mille Lucia. Data la tua gradevole impressione, mi auguro tu scelga di seguire la nostra testata d’ora in poi.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *