Salernitana – Roma 0-4: Le nostre pagelle

La Roma ci mette un tempo ad ingranare ma poi serve il poker di gol ad una Salernitana ultra difensiva. Per i giallorossi un inizio ottimo con i nuovi acquisti in grande spolvero e i veterani all’altezza delle prestazioni della scorsa stagione.

 

Rui Patricio 6: Spettatore non pagante.

Karsdorp 6: Partita di controllo, gioca spesso alto. Ci regala un tunnel su Bonazzoli e nel finale anche un brivido.

Mancini 6,5: Dominatore dell’area giallorossa. Non che la Salernitana schieri un attacco indimenticabile. Comunque mostra grinta da vendere.

Ibanez 6: Il giocatore timido e dall’errore fatale dell’anno scorso sta scomparendo. Matura e dimostra di essere pronto.

Vina 7: Un assist e una prestazione veramente da protagonista. Il meglio deve ancora venire!

Cristante 6,5: Altra partita in cui prende in mano le redini del centrocampo e alza la diga. Non si passa.

Veretout 7: Se Cristante alza il muro lui spara con il cannone. Bombardiere!

Perez C. 6,5: Inizia con un piglio troppo da individualista, poi nel secondo tempo inizia a giocare  con i compagni e regala un assist al bacio.

Pellegrini 8: Doppietta e partita da leader. Avanzato sta sfoggiando le sue qualità. Leader.

Mkhitaryan 7: Assist e giocate da campione. In combinazione con Abraham inventa una delle giocate più belle della gara.

Abraham 8: Gioca per la squadra. Fa il centro boa e tiene alta la squadra. Poi ci delizia con un gol da giocatore di biliardo.

 

sostituti

 

El Shaarawy 6: Il faraone entra per far rifiatare Miky. Inventa delle belle combinazioni ma questa volta non riesce ad innescare il gol.

Shomurodov 6: Sempre reattivo e imprevedibile. Innesca delle buone giocate e dimostra di trovarsi a suo agio nel ruolo di subentrante dalla panchina.

Calafiori SV

Mayoral SV

Diawara SV

Renato Umberto Ruffino

Giornalista, sceneggiatore, editore. Laureato in Scienze politiche presso l'Università degli studi di Roma 3. Fonda e dirige la Prankster Comics. Collabora con Aurea editoriale su Skorpio e Lanciostory.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *