Longines Global Champions Tour: diamo ufficialmente inizio alla stagione 2018

L’appuntamento più importante dell’equitazione internazionale ha avuto finalmente inizio, così già possiamo fare un resoconto delle prime due tappe della nuova stagione 2018 firmata Longines, che si sono disputate rispettivamente a Mexico City e a Miami Beach.

La città di Mexico City ha avuto ancora una volta l’onore di aprire le danze del campionato firmato Longines.

Una nuova stagione, quella del 2018, che ci permette di seguire passo dopo passo il livello individuale dei binomi, ma non solo. Al Global Champions Tour infatti, come per lo scorso anno, si aggiunge il Global Champion Leage, cioè il campionato a squadre.

Quindici sono le tappe totali che avranno come città ospitanti le più importanti capitali del mondo, fino alla nostra tanto attesa Roma che sarà la penultima tappa, prima di Doha, la finale.

Mexico City

Tanti sono stati i cavalieri e i binomi, dalle svariate medaglie olimpioniche e dal grande livello tecnico che si sono sfidati a Mexico City: da Scott Brash a Eric Lamaze, Gerco Schroeder, e poi Edwina Tops Alexander, Pius Schwitzer, Denis Lynch e tanti altri…
A raggiungere l’America per l’occasione anche Lorenzo de Luca, Piergiorgio Bucci e Alberto Zorzi, i quali hanno difeso la bandiera italiana.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono state le gare più importanti che hanno aperto il circuito.

Gare che iniziano alla grande!!!
È Lorenzo de Luca che si aggiudica, infatti, la categoria “grossa” del venerdì con zero penalità in 64.95  sec., seguono la classifica Eduardo Alvarez Aznar (o pen. in 65.36 sec.) e Shane Sweetnam (0 pen. in 68.08 sec.).

Il campo marte si apre, sabato 24 marzo, alla prima tappa finale del GCL, campionato a squadre.
I binomi che si sono posizionati nella zona alta della classifica sono stati rispetivamente: Pius Schwitzer (Balou Rubin R – 0 pen. 57.73sec.) Bertam Allen (Gin Cin Van Het Linderhof 0 pen. 57.78) e terzo Carlos Lopez (G e C Arrayan 0 pen. in 59.52 sec.).

Ulteriore risultato positivo, in questa giornata di gare, ottenuto ancora una volta dal cavaliere italiano Lorenzo de Luca, che nella categoria si aggiudica con un sesto posto grazie ad un bellissimo percorso netto in 62.04 sec.

Ma andiamo al Gran Prix:

Ogni evento, appuntamento e competizione di alto livello dell’equitazione internazionale ci fa rimanere sempre con il fiato sospeso fino alla domenica, quando i cavalieri devono affrontare la categoria più importante e decisiva delle tre giornate: il Gran Prix.

Questo gran premio, da 1.60 m., porta il nome di Scott Brash, che quindi si aggiudica la prima tappa del Longines Global Champions Tour,  portando a termine un doppio clear round in 38,65 sec.

Oltre al cavaliere della Gran Bretagna sono solamente altri due i binomi a terminare il “jump off” con un doppio zero rispettivamente: Daniel Deusser in 40,31 sec. e Alberto Zorzi, in 40,37 sec., che grazie a questo risultato si posiziona sin dall’inizio nella parte alta del ranking.

Di seguito della classifica:

  1. Scott Brash o/o in 38.65 sec.
  2. Daniel Deusser 0/0 in 40.31 sec.
  3. Alberto Zorzi 0/0 in 40,37 sec.
  4. Eric Lamaze 0/4 in 37.52 sec.
  5. Nicolas Pizzarro 0/4 in 40.80 sec.
  6. Cerco Shroder 0/4 40.83 sec.
  7. Paola Amibilia Pluig 0/4 46.46 sec.
  8. Jerome Guery 0/12 50.92 sec.

 

Miami Beach

Per la seconda settimana ci siamo spostati in una location altrettanto interessante e spettacolare: Miami Beach.

La location è considerata da appassionati e addetti ai lavori come una delle più iconiche e uniche destinazioni del mondo equestre e in questa edizione, in particolare, abbiamo potuto ammirare i più grandi cavalieri e cavalli di tutto il mondo.

Tanti i binomi che hanno raggiunto questa città per dare luogo, come sempre, a un grande spettacolo sportivo, internazionale, elegante e tecnico che non ha deluso le nostre aspettative.

Da Edwina Tops Alexander, a Laura Kraut e Jessica Springsteen; poi come sempre presente il Belgio con Pieter Devos, Gregory Wathelet, Olivier Philippaerts e ancora Athina Onassis, Sergio Alvarez Moya, Marcus Ehnning, Jane Richard Philips, l’Olanda rappresentata dai grandi Gerco Schroeder e Leopold Van Asten.
E infine la nostra Italia rappresentata ancora una volta da Alberto Zorzi, Piergiorgio Bucci e Lorenzo De Luca.

I binomi hanno raggiunto la città di mare già dal lunedì, per organizzare al meglio il pre-gara e una volta superate le visite, tutto è iniziato come da regola…

Ora vediamo le gare…

Mettiamo in evidenza un cambiamento sostanziale che riguarda l’edizione 2018 per il primo round del Global Champion League: quest’anno nuova regola per i cavalieri e nuova organizzazione del campionato: il giovedì è stato scelto come giorno per discutere la prima tappa, che vede poi il secondo round nella giornata di venerdì e, quindi, la finale durante la giornata del sabato.

I primi cavalieri ad aggiudicarsi i posti più alti in classifica sono stati:
Marcus Ehning su Cris  (0 pen. in 66.42 sec.); il francese Kevin Staut su Ayade de Septon et HDC (un percorso netto in 67.88 sec.); e la Julien Epaillard su Safari d Auge (0 pen. in 70.54 sec.)

 

Altro appuntamento importante, nella seconda giornata è stata la categoria da 1.50m, che ha portato alla vittoria Maikel Van Der Vleuten (doppio 0 in 33.09 sec.); seconda posizione del cavaliere azzurro Alberto Zorzi (Fair Light van T Heike doppio 0 in 33.25 sec.) In terza posizione sempre con un doppio zero troviamo Ben Maher (don Vito con 33.70 sec.)

L’italia in questa categoria si è distinta particolarmente, raggiungendo cosi la quinta posizione con Piergiorgio Bucci su Alicante e la settima posizione di Lorenzo De Luca su Limestone Grey.


La giornata del sabato ha visto come protagonista la finale del GCL con il primo posto di Sergio Alvarez Moya (0 pen. 69.39 sec.), il secondo di Bertam Allen(0 pen. 69.57 sec.) e il terzo di Jos Verlooy(70.09 sec.).

Per scoprire la classifica delle squadre clicca qui.

Il Gran Prix

In testa all’evento firmato Longines di Miami Beach c’è Edwina Tops Alexander!

L’amazzone australiana e moglie di Jan Tops, che ha lasciato dietro di sé tutti i concorrenti del gran premio, ha portato a termine un doppio zero in un velocissimo tempo di 32.07 sec., questa splendida performance, insieme al percorso di Bassem Hassan Mohammed ( 0/0 pen. in 35.47 sec.), fa parte degli unici due percorsi netti nel “jump off”.

Jump off a cui hanno avuto accesso solamente cinque binomi sui 35 totali.

Di seguito la classifica del Gran Prix:

  1. Edwina Tops Alexander 0/0 32.07 sec.
  2. Bassem Hassan Mohamed 0/0 35.47 sec.
  3. Darragh Kenny 0/4 30.87 sec.
  4. Pieter Devos 0/4 30.98 sec.
  5. Eduardo Alvarez Aznar 0/4 33.90 sec.
  6. Gregory Whatelet  4 pen. 69.34 sec.
  7. Betram Allen 4 pen. 69.58 sec.
  8. Georgina Bloomberg 4 pen. 70.85 sec.

 

Termina cosi l’evento nell’ammiccante arena di Miami Beach. A tutti voi appassionati diamo appuntamento al 22 aprile con tutti i risultati da Shangai. Nel frattempo coloro i quali sono curiosi di conoscere i risultati dei precedenti appuntamenti dello #showjumpin internazionale possono cliccare qui.

Cecilia Mostacci


 

Aggiornamento Top Ten Mondiale:

1.Scott Brash
2.Pieter Devos
3.Edwina Tops Alexander
4.Gerco Shroder
5.Bertam Allen
6.Leopold Van Ansten
7.Jerome Guery
8.Marcus Ehning
9.Daniel Deusser
10.Bassem Hassan Mohamed
12.Darragh Kenny
12.Alberto Zorzi

Photo: Courtesy of LGCT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *