Marzo: il ritorno ciclico dell’impeto ancestrale

L’innata tendenza degli esseri umani a lasciarsi sedurre dalle diverse forme di vita, vegetale e animale, dai loro processi vitali, non solo attraenti ma a tal punto coinvolgenti da produrre empatia, è stata teorizzata dal biologo statunitense Edward Osborne Wilson come “Biofilia”.

Ci siamo inoltrati nel mese di Marzo, per la Natura è iniziato il preludio della Primavera, stagione che, con un’esplosione di colori, testimonia la freschezza della linfa che ricomincia a scorrere per dare inizio al nuovo ciclo vitale.

È prepotente la Primavera.

Ci stupisce dipingendo il paesaggio, arrotondandolo, ingrassando di fronde gli arbusti avvizziti dal gelo, apparecchiando gemme sui rami ancora esili e grigiastri, resistiti alle raffiche di Tramontana che li ha spogliati, sferzati, tramortiti.

Il suolo si risveglia e si protende verso il cielo una folla di gambi, di fiori selvatici, di steli sinuosi pronti a danzare sulle note di Zefiro in una ola ordinata che inneggia alla Vita.

Inizia il canto mattutino degli uccelli che, avendo buona memoria, sono tornati da terre lontane perché è il momento giusto e lo spettacolo sta per iniziare.

Grandi sbadigli nelle tane, scuotimenti brevi e movimenti lenti delle articolazioni ferme da mesi.

I raggi del sole e la maggiore luce dispensano a tutti buon umore, energia vitale.

Nelle città “I giardini di Marzo di vestono di nuovi colori”.

Sentiamo il desiderio di popolare i nostri balconi con piante e fiori colorati e proviamo una gioia che, misteriosamente, nasce da una sensazione di benessere della nostra psiche che si esprime nell’esigenza di rendere l’habitat in cui viviamo vicino a Madre Natura, per stringerla in un abbraccio che ci tranquillizza e ci rende creativi al contempo.

Prenderci cura delle nostre piante riduce lo stress e allevia la depressione, ingentilisce la comunicazione riducendo l’ostilità; rievoca una tendenza ancestrale a curare l’ambiente naturale circostante e provoca autostima. Stimola e affina il senso della bellezza.

Negli ultimi anni riscuotono sempre maggior successo di pubblico le manifestazioni come il “Festival del Verde e del Paesaggio” che si tiene ogni anno in Primavera, appunto, a Roma.

Sarà una gradevole opportunità visitare l’edizione del 19 – 20 – 21 Maggio  2017 che si terrà all’Auditorium Parco della Musica dove le piante offriranno profumi e colori, e l’uomo li completerà con creatività, musica e arte: insieme svilupperanno e trarranno benessere, figli della stessa Madre.

Patrizia Indiano

 

Foto di: Furcifer Paradalis, license  CC BY-NC 2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *