Pubblicità sugli investimenti rischiosi: quando trasformo i rischi in paradisi da desiderare

 

Immaginatevi di essere davanti al PC e personificate il vostro carattere in un videogioco. O forse siete sul bordo vasca della piscina a guardarvi video di gattini. Oppure siete davanti al vostro televisore a godervi la nuova serie preferita. Cosa hanno in comune queste faccende? State attivamente investendo, oltre a guadagnare lautamente. Questo è il messaggio di una recente pubblicità su Youtube. Basta iscriversi a tale piattaforma di investimenti, scegliere quale utente copiare, e la piattaforma copierà le mosse effettuate dall’utente scelto. Voi non dovrete fare niente altro.

L’offerta sembra allettante: la persona dalla quale copiate le mosse d’investimento sembra un matematico uscito dalla migliore scuola di economia, lo si vede all’opera ad analizzare grafici, dati e informazioni confidenziali. Il sito vi permette di fare esattamente le stesse sue mosse. il presunto matematico non vuole perdere denaro, tanto meno lo volete voi. Quindi vi potete fidare di lui, meglio di un professionista. Ma il punto è proprio questo: la persona che probabilmente copierete sulla piattaforma sarà ben lontana dall’essere un professionista. Il sito che offre queste transazioni sociali mette in risalto l’anonimato garantito ai propri clienti. Questo elemento non vi permette di capire chi abbiate davanti a voi: è veramente il matematico che non fa altro che analizzare tutto il giorno, oppure un individuo qualsiasi che con un paio di click ha avuto fortuna, senza nemmeno rendersene conto?

Performance passate non sono un indicatore di risultati futuri.

Tale è la scritta che accompagna in piccoli caratteri la pubblicità. In queste poche parole si racchiude però un mondo meno ideale di quel che sembra, caratterizzato da fortuna e rischio. A parte la quantità investita e il modo in cui sono variati i guadagni, non avete elementi certi sulla persona che avete deciso di seguire nella vostra avventura speculativa. E se in passato il vostro attuale idolo avesse solamente avuto fortuna? Magari, per puro caso, ha acquistato le azioni di una compagnia aerea, che il giorno prima ha subito un crollo in borsa, dovuto forse alla caduta di un suo aereo. Tempo dopo queste azioni hanno ricominciato a crescere per normalizzarsi al loro valore iniziale. Questo però è qualcosa che non può ripetersi. E se invece avesse subito un crollo in borsa, dovuto alla caduta di quello stesso aereo? Avrebbe avuto i nervi saldi per analizzare la situazione e capire se la caduta delle azioni era inarrestabile, oppure nel giro di qualche mese la compagnia avrebbe riconfermato la propria fiducia, compensando il crollo? Questi eventi si chiamano rischi e il mondo ne è pieno, così pieno che nessuno può prevedere tutte le eventualità, ma alcuni possono imparare a reagire.

Sempre in caratteri minuscoli, se si ferma un attimo il video, si potrà notare in grassetto che il “76% degli investitori perde denaro”. Il sito invece indica che la cifra si aggira intorno al 66%. Si tratta comunque di una cifra alquanto elevata, che indica come uno non avvezzo ai meccanismi della finanza non sempre riesca a capire quali siano le conclusioni da trarre. In particolare, tale ragionamento vale per persone che non investono un minimo di tempo a valutare le proprie decisioni. La piattaforma possiede un canale Youtube dedicato, dove è possibile visualizzare alcuni utilizzatori di successo, dei testimonial interni, per certi versi. Questi raccontano per lo più come siano diventati investitori di successo. Dai racconti traspare che guadagnare attraverso questi investimenti sia un vero e proprio lavoro. Si calcolano rischi, perdite e guadagni. Tutto ciò è lontano dall’idea di delegare una volta ogni tanto. “Ho lavorato duramente per arrivare” e “ho una buona disciplina” sono le frasi che uno sente.

Vi è una seconda pubblicità di questa piattaforma: immaginatevi di uscire per una pausa caffè e davanti a voi vedete un bellissimo carretto di bombe pasticciere. Vi avvicinate e pagate per una bomba. Il venditore la prende, vi morde dentro e ve la offre. Se chiedete spiegazioni vi informa che ha “recuperato” la propria commissione. La piattaforma invece vi offre i propri servizi finanziari senza commissioni, con la giustificazione “perché pagare per qualcosa che già è vostro?”. Con tali presupposti, la risposta pare scontata e l’invito a iscriversi subito ancora di più. Eppure nella testa scatta un antico consiglio: “nessuno fa niente per niente”. E difatti la commissione assente si traduce proprio in professionalità assente, ma non in costi assenti. Il più importante è probabilmente il costo di ritiro dei soldi investiti attraverso la piattaforma, ovvero il costo del bonifico dei soldi eventualmente guadagnati: 25 dollari è il costo fisso. Perciò più spesso ritirate denaro, più vi costa. In termini pratici, ciò significa che dovreste effettuare investimenti per periodi più lunghi possibili, ma con l’aumentare del tempo, aumentano anche i rischi di un crollo come quello delle azioni della compagnia aerea.

Per quanto il broker possa essere stato cosi descritto come un parassita che “mangia” una parte del vostro beneficio, non bisogna dimenticare che si tratta della figura professionale che vi consiglia, vi informa, vi segue. Questo lo fa spendendo proprio tempo e fatica, anche perché spesso il broker investe anche soldi suoi, non solo quello di altri… A ben pensarci, questa descrizione potrebbe corrispondere proprio a quei testimonial che guadagnano con questa piattaforma. Queste persone non hanno ricevuto i loro successi gratuitamente, infatti la qualità dei loro guadagni dipende dal tempo che investono per realizzarli. I testimonial hanno speso il loro tempo e le loro energie per guadagnare con il rischio e copiarli significherebbe utilizzare il loro intuito, i loro sforzi e la loro competenza senza pagarli, ma senza la garanzia di arrivare ai loro stessi risultati.

Questo non è un consiglio d’investimento”. Si tratta di una frase che si ritrova ovunque sulla piattaforma, non solo sulle pubblicità per indurre le persone a iscriversi come utenti del sito, ma addirittura nel contratto di registrazione utente. Eppure è proprio ciò che la pubblicità vi consiglia di fare: iscriversi e cominciare a investire. Indicare che una pubblicità non sia un consiglio, è un messaggio che ha una contraddizione interna, ciò si spiega solo come escamotage per evitare le responsabilità civili. Si aggiunga che nel canale Youtube dedicato sono presenti decine di brevi video pubblicitari su vari tipi di investimento. Tutti sono accompagnati dal disconoscimento di essere consigli d’investimento. Altra frase ricorrente è la precisazione che i soldi che investi “sono tuoi”. A dire il vero la maggior parte dei video non supera il centinaio di visualizzazioni, per cui il loro effetto reale è limitato. Eppure tornano alla mente le figure del bravo matematico e dei piedi nell’acqua… Menzionare l’esistenza di un modo di guadagnare denaro è implicitamente un consiglio. Si consideri che questa critica potrebbe essere fatta a questo stesso articolo.

La licenza del sito per il mercato europeo è stata rilasciata nel gennaio 2010. Non siamo distanti dal crollo delle azioni finanziarie del 2008: un duro colpo alla credibilità dei broker e, in generale, degli intermediari finanziari. Gli stessi testimonial vi fanno riferimento con espressioni come “non sapevo in cosa investissero” o “ho incominciato a fare [self-]trading dopo la crisi finanziaria”. Il legame di fiducia con il mondo degli intermediari finanziari che ti consigliano quanto, come e su cosa investire è compromesso. Si pensi a un film di poco successivo come The Wolf of Wall Street del 2013 in quanto indicatore di tale sfiducia. Inoltre, scandali più nazionali come Banca Popolare di Vicenza sicuramente non aiutano a mantenere alti livelli di fiducia negli intermediari come professionisti del settore.

Se dunque qualcuno pensa che sia venuto il momento di prendere le redini dei propri investimenti finanziari, niente dovrebbe farci credere né che sia semplice, né che non sia un lavoro a tempo pieno senza alcuna assicurazione sul futuro.

Joël David Guerrrazzi

__________________________________________________________________________________________________________________

Video: source official YouTube channel of eToro

La network society

Leila Tavi

Leila Tavi is a journalist specialized in Russian Politics and Culture and PhD c. in Russian History at the University of Vienna under the supervision of Prof. Andreas Kappeler. She studied Political Science in Vienna and Rome, graduating in History of Eastern Europe at Roma Tre University, with Prof. Francesco Guida and a thesis on travel reports about Saint Petersburg by West Europeans at the beginning of the XIX Century. Previously she obtained a degree in Foreign Languages, with a specialization in German Philology at the University of Rome «La Sapienza». Her new book "East of the Danube" is coming soon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *