Quando la mente umana si spinge aldilà della realtà: Aloys, un film di Tobias Nölle

Aloys è l’ultimo intrigante e complesso lungometraggio del regista svizzero Tobias Nölle, uscito nel 2016 e presentato per la prima volta alla Berlinale. Un film che fa riflettere, a tratti perverso ma mai banale.

Aloys Adorn, interpretato da George Friedrich, è un detective che vive e lavora con suo padre e con il quale ha un rapporto molto stretto e intimo. Improvvisamente la routine professionale comincia a permeare la sua vita privata, a tal punto che l’uomo si ritrova a filmare 24 ore su 24 persone con le quali non intrattiene alcun tipo di rapporto personale.

Una sorta di spia/stalker? Quasi…

Ciò che destabilizzerà definitivamente Aloys, distruggendo ogni sua certezza e facendogli crollare il mondo addosso, sarà proprio la morte di suo padre.

Il protagonista, infatti, assume una serie di atteggiamenti controversi, assurdi e per certi versi dannosi per la sua salute.

Il mondo all’esterno sembra essere privo di speranza. Nulla ha più senso per Aloys.

Ma le sue giornate infelici e prive di qualsiasi tipo di emozione sembrano avere un risvolto positivo, grazie all’ingresso di una donna, o meglio, della voce di una donna.

Vera, questo il nome della ragazza misteriosa, ha una voce suadente e spinge il protagonista a varcare i confini della realtà e dunque della solitudine, in cui l’uomo è immerso, attraverso un gioco telefonico, il telephone walking.

Tale gioco, perfido inizialmente, nasce con l’idea di utilizzare l’immaginazione come unica fonte di connessione, creando una dimensione irreale all’interno della quale è possibile proiettare ogni tipo di sentimento positivo.

Dunque, la relazione tra Vera e Aloys, si trasforma in un legame molto forte, senza il quale nessuno dei due riuscirebbe più a vivere.

Ma tutti i loro incontri sono costruiti attraverso l’intenso potere dell’immaginazione e del mondo surreale: non esiste alcun tipo di contatto fisico e Vera condurrà Aloys in un mondo ancora più lontano da quello circostante, provocando in lui una totale confusione tra realtà e finzione.

Tobias Nölle dipinge con eleganza un antieroe moderno, il quale rimane ancorato al suo passato monotono e cerca di essere accettato in una realtà che gli sta stretta.

Il regista pone, quindi, al centro della sua pellicola la tematica della solitudine e lo fa attraverso un protagonista “perfetto”.

Le immagini e, soprattutto le note di colore, aiutano lo spettatore a comprendere ulteriormente il mondo di Aloys. Il clima di angoscia è reso magistralmente grazie a toni freddi e cupi, solitamente sempre tendenti al verde scuro o a un azzurro chiarissimo, spesso grigio.

Le uniche tinte di colore appaiono nel momento in cui nella vita di Aloys arriva Vera e con lei non mancano sorrisi e soprattutto la musica. Si notano quindi colori tendenti al rosso, arancione e giallo.

La stupenda fotografia di Simon Guy Fässler e i sorprendenti primi piani, che sembrano isolare Aloys dal resto del mondo, regalano al film un tocco esoterico, dai toni romanticamente pop.

Vera non è una donna qualsiasi e condivide con Aloys Adorn il dramma della solitudine e la tendenza al borderline. 

Il film accompagna lo spettatore verso un finale sorprendente e inaspettato. Tra i due emarginati nasce una tenera storia d’amore e si ritroveranno a dormire insieme nell’ospedale in cui Vera era stata ricoverata, dopo aver tentato un suicidio.

Sarà reale la loro vicinanza nell’ultima scena o si tratta ancora una volta di immaginazione?

Tobias Nölle ci lascia così, appesi a un filo.

Chi scrive consiglia la visione del lungometraggio, ma attenzione a usare con le giuste dosi fantasia e immaginazione… Arrivederci alla prossima recensione!

Sara Tiso

________________

Foto di copertina: courtesy Torino Film Lab

Trailer: dal sito YouTube Eurekaentertainment

 

Scheda del film

Titolo: Aloys

Titolo originale: Aloys

Regia: Tobias Nölle

Interpreti: Georg Friedrich, Tilde von Overbeck, Kamil Krejci, Yufei Lee, Koi Lee

Produzione: Petit Film, Schweizer Radio und Fernsehen, Arte, Hugofilm

Genere: Drammatico

Durata: 91′

Paese: Svizzera

Anno: 2016

4 pensieri riguardo “Quando la mente umana si spinge aldilà della realtà: Aloys, un film di Tobias Nölle

  • 17 ottobre 2017 in 10:43
    Permalink

    Raramente una recensione mi fa venire voglia di vedere un film. Questa ci è riuscita.

    Risposta
    • 17 ottobre 2017 in 17:40
      Permalink

      Grazie davvero! È una grande soddisfazione per me esser riuscita nell’intento, ovvero nell’invogliare il lettore alla visione del film.

      Risposta
  • 29 dicembre 2017 in 4:30
    Permalink

    It is a very good post. This website has lots of useful things, it really helped me in many ways.

    Risposta
  • 8 maggio 2018 in 10:30
    Permalink

    Awesome website, how do you find all this info?I’ve read through a few posts on your site and I love your writing style. Thanks a million, keep up the great work.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *