Totem e tabù in due corti francesi: Totems di Paul Jadoul e Dirty South di Olivier Strauss

Totem

Regia: Paul Jadoul

Paese: Belgio, Francia

Anno: 2015

Durata: 9 min 11 sec

Colore

Nel 2015 esce questo corto animato di Jadoul.
Un taglialegna è vittima di un incidente. Mentre lavora nel bosco, un tronco gli cade addosso. Durante la notte, si trasforma in una serie di animali, dei totem. La voglia di sopravvivere si tramuta in mille forme di vita, sino a quando si fa un nuvolo di insetti nella luce del giorno.

Questi animali, uno dopo l’altro, entrano in un contatto così profondo con lo “spirito” del bosco da esserne liberati.

L’uomo, da parte sua, se ne prende alcuni atteggiamenti ed espressioni oltre che, come si suppone, le loro abilità, sino a superare il problema capitatogli ed il dolore stesso.
Data la natura del cartone animato, son state possibili inquadrature di ogni tipo. Al di là della magia della trasformazione in animale, ci son riprese aeree e del bosco di notte molto suggestive.
Interessante è anche la presenza dell’autostrada alle pendici del bosco, dove sembra esserci paradossalmente meno vita che lì dove si disfà in mille insetti che si disperdono nell’ambiente.

Il corto è per adulti, filosofico ed ambientalista, e la mancanza di dialoghi permette anche ai più piccoli di poter lasciare libero spazio all’immaginazione.

 

campo di grano

Dirty South

Regia: Olivier Strauss

Paese:Francia

Anno: 2015

Durata: 24 min 52 sec

Colore

Nel 2016, esce il corto del regista francese, Olivier Strauss, Dirty South.
Due adolescenti vanno a vivere con la madre in un palazzo in mezzo ad un campo di grano.
Sperimenta il sesso una, l’altra lo osserva. La più grande consuma il rapporto con due o forse più uomini. Le mille facce del sesso forse indicano quanti volti l’immaginazione della ragazza, avrebbe potuto dare al padre che non c’è più.
L’altra, più piccola, è nell’interesse di un giovane che, dopo essersi masturbato, butterà il proprio sperma nell’acquario. I due osserveranno l’atteggiamento dei pesci che accorreranno a mangiarlo e tutto resterà come velato in un sogno. Tra i due c’è una bella amicizia, non si va oltre.
Campi di pannocchie in cui le ragazzine scappano come per Jenny di Forrest Gump.
L’oro dei campi è quasi sacro come il sesso che accolgono. Il sesso sembra distrarre dalla povertà assoluta.

Tra il primo ed il secondo corto, si possono trovare dei legami poetici ed anche concettuali.

Se per il taglialegna di Totems, l’albero gli fornisce la vita perchè gli dà il lavoro, per le ragazze di Dirty South, la casa in cui si trasferiscono e dove si pacificheranno con il ricordo del padre morto, anch’essa ricorda un qualcosa di fallico, tendente verso l’alto e tozza, un totem.

Il pensare animistico del primo è governato da una “onnipotenza dei pensieri”, una proiezione della vita mentale interiore verso il mondo esterno. L’uomo che tenta di resistere al dolore e alla morte.

Nel secondo, il ”pasto tribale” dei fratelli che si nutrono del padre potente e geloso delle proprie donne, si sublima nell’atto del sesso e nel compiacimento che le ragazze esprimono dopo averlo conosciuto.

Unico tabù è la parola, che se presente, può avvicinarsi più ad una preghiera per la sacralità delle due narrazioni.

 

4 pensieri riguardo “Totem e tabù in due corti francesi: Totems di Paul Jadoul e Dirty South di Olivier Strauss

  • 17 marzo 2017 in 14:31
    Permalink

    Hello my family member! I want to say that this article is awesome, nice written and come with almost all significant
    infos. I’d like to see more posts like this .

    Risposta
    • 20 marzo 2017 in 14:46
      Permalink

      Thanks a lot. I will try to satisfy you and all my Readers. Enjoy!
      Veronica Pacifico

      Risposta
    • 22 marzo 2017 in 15:17
      Permalink

      We will put more effort into it! Thank you!

      Risposta
  • 19 marzo 2017 in 23:44
    Permalink

    Maintenant tout est clair, le merci bien pour l’information.
    [url=https://twitter.com/Sravniceni1]goldieKt[/url]

    Risposta

Rispondi a Veronica Pacifico Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *