Treno Verde 2017: ogni fine è un nuovo inizio. La sostenibilità viaggia in treno

Torna la campagna itinerante di sensibilizzazione e informazione realizzata congiuntamente da Legambiente e Ferrovie dello Stato in collaborazione col Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Il convoglio ambientalista, dal 1988, fa tappa nelle maggiori stazioni del Paese per promuovere la sostenibilità che parte dal basso, cioè dalle persone e da ciò che ciascuno può fare per costruire territori più sani e vivibili.

Come di consueto, il treno, munito di stazioni per il monitoraggio dell’inquinamento acustico e atmosferico, sosterà due o tre giorni in ciascuna città in cui farà tappa, analizzando i dati relativi alla vivibilità. Da quest’anno il programma scientifico verrà inoltre arricchito da valutazioni sull’inquinamento indoor, cioè quello relativo alla qualità dell’aria degli ambienti chiusi (case, scuole, uffici, ecc.). A bordo di ciascuna carrozza sarà possibile visitare la mostra itinerante interamente dedicata all’economia circolare e al riuso, grazie alla quale i visitatori potranno incontrare “i cento campioni”, tra aziende associazioni e istituzioni, che già mettono in pratica questo modello virtuoso.

Infatti, l’altro obiettivo per il 2017 è proprio la promozione dell’economia circolare, in opposizione al modello del “prendi, produci, usa e getta” insostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico. Quello dell’economia circolare, invece, è un modello che pone alla base del processo di sviluppo la necessità di organizzare tutte le attività produttive in modo che i rifiuti possano tornare nuovamente in circolo sotto forma di risorse. Secondo le stime fornite da Legambiente, ad esempio, ciò potrebbe comportare un risparmio di oltre 70 miliardi di euro per le sole imprese europee.

Rossella Muroni , presidente di Legambiente, ritiene che proprio l’Italia avrebbe tutte le carte in regola per fare da capofila nell’economia circolare europea, grazie alle tante esperienze virtuose che saranno di volta in volta raccolte e raccontate durante il viaggio del Treno Verde. “Abbiamo ‘Comuni ricicloni’, Consorzi pubblici e aziende virtuose che costituiscono esperienze di Green economy eccezionali” – ha spiegato – “ma per affermare sempre più l’economia circolare è importante che anche la politica faccia la sua parte introducendo tariffe che premino i cittadini e le aziende virtuose, replicando le buone pratiche su tutto il territorio e definendo un nuovo sistema di incentivi e disincentivi per far in modo che la prevenzione e il riciclo siano sempre più convenienti di discariche e inceneritori”.

Le Tappe

  • Catania Centrale il 24-25-26 febbraio,
  • Paola, in provincia di Cosenza il 28 febbraio e 1 marzo,
  • Potenza Centrale il 3 e 4 marzo,
  • Bari Centrale il 6 e 7 marzo,
  • Salerno il 9-10 e 11 marzo,
  • Pescara Centrale il 13 e 14 marzo,
  • Foligno il 16-17 e 18 marzo,
  • Bologna Centrale il 20 e 21 marzo,
  • Vicenza il 23 e 24 marzo ,
  • Milano Porta Garibaldi il 30 e 31 marzo,
  • Asti il 26-27 e 28 marzo

In copertina: foto “Zug 2” di ConstantinAB. Utilizzo con la licenza CC https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *