Un Natale green. Metti sotto l’albero un regalo eco-solidale della Pelanda Macro di Testaccio a Roma

di Marlene Scalisi

 

Il Natale spesso coincide con gli acquisti, gli scaffali di negozi ricolmi di palline, i cenoni infiniti e le sindromi da addobbi. Ecco una visione per emozionare la festa che è in arrivo, che invita i consumatori, le istituzioni e l’intera filiera della produzione e della distribuzione, ad adottare una nuova cultura del consumo, che preferisce i prodotti biologici ed equo-solidali, le autoproduzioni e le espressioni artistiche che aiutano a vedere lo scarto come una risorsa.

L’appuntamento è al Christmas Factory/Arts&Market, organizzato da ZIP e promossa dalla Regione Lazio attraverso “Mercato di Campagna amica”  e si svolge nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 alla Pelanda Macro di Testaccio, Piazza Orazio Giustiniani n. 4, 00153 Roma dalle ore 11 alle 23.

Il Christmas Factory/Arts&Markets vede impegnata, come sempre, in prima linea per le questioni di green RIscARTI, un’associazione che da diversi anni promuove la sensibilizzazione al rifiuto attraverso le arti, per generare una cultura del riciclo e incentivare stili di vita sostenibili.

Riscarti, che ha già conosciuto lo spazio della Pelanda di Testaccio nell’edizione del festival2015, stavolta vi propone “Le stanze della Natura”. Nella prima, una suggestione visiva e tridimensionale realizzata da 6 donne: Barbara Cappella, Nicoletta Di Paolo, Paola Spring, Pamela Mattana e Celeste Gazzillo, che con installazioni e opere di riciclo creativo enfatizzano il legame della donna con la madre terra. Siete pronti a entrare in un mondo fantastico, animato da letture e incursioni teatrali e denso di una fauna arte-fatta che vi sorprenderà ancora una volta nel mostrarvi che gli scarti sono preziose risorse? Per chi volesse, sarà possibile adottare una zolla di prato da piantare dove meglio si creda, con la promessa di prendersene cura e di inviare testimonianze fotografiche sotto l’astag #adottaunprato.

Nella seconda stanza, una mostra fotografica ci avvicinerà attraverso le immagini al mondo della cianotipia, una tecnica antica ed artigianale, che utilizza i raggi del sole per creare composizioni originali e sperimentare gli effetti della luce con gli elementi della natura. Un’esposizione di stampe artigianali racconterà il Gazometro e l’area di archeologia industriale circostante, mentre un laboratorio dimostrativo si svolgerà in loco sabato mattina. Nei 2 giorni sarà possibile acquistare prodotti a km 0 di Campagna Amica e regali sotto il marchio Riscarti, Quartieri dell’Arte e Fashion for theatre, piccole realtà che valorizzano il territorio con i loro prodotti e maestrie. Sarà possibile scaricare la colonna sonora dell’evento per godere al meglio delle installazioni in mostra.

La due giorni dedicata al riciclo creativo ospiterà domenica 18 alle ore 17 anche una divertente challange, ideata da cinque studenti del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Roma Tre, che hanno pensato a un hackathon chiamato #zerofoodwaste, in grado di sensibilizzare le persone sul tema dello spreco di cibo, una problematica sottostimata nei Paesi dell’UE, dove circa 88 milioni di tonnellate di cibo sono sprecata ogni anno, con un costo stimato di 143 miliardi di euro. (Consulta il Rapporto della Commissione Europea).

La challenge ha il sostegno di MyPassionItaly e la media partner di E-goTimes.

 

Programma di RiscArti

 17 Sab h 12.30

 Workshop

 Laboratorio di cianotipia: un workshop per riscoprire le antiche tecniche di stampa realizzate con la luce naturale del sole. Grazie soprattutto al colore blu intenso che caratterizza l’immagine finale, è particolarmente adatta alla riproduzione di elementi naturali, quali fiori, foglie, piume e piante acquatiche. Un’occasione e un’esperienza uniche che permetteranno così ai nostri partecipanti non solo di riscoprire il fascino di queste immagini, ma anche di stimolare la loro espressività e creatività, entrando direttamente in contatto con la natura per realizzarne un meraviglioso ritratto.

Durata di 1 ora e mezza. Rivolto a ragazzi e adulti.

I materiali verranno forniti direttamente dal collettivo Pigments ma i partecipanti potranno portare da casa elementi vegetali, fiori, oggetti piani di piccolo formato che preferiscono per realizzare la propria stampa. per iscrizione : pigmentsphotography@gmail.com up to you 5 euro.

 

Mostra di cianotipia

Veduta dalla finestra sul Tevere: omaggio a Nicephore Niépce.

L’opera, composta da un trittico di tre stampe realizzate con tecnica mista, rappresenta una panoramica del Tevere. Ai lati due stampe nere su carta blueback di 3 metri per 1,50 riproducono le due sponde del fiume in corrispondenza della zona industriale, che caratterizza lo spazio circostante La Pelanda. Al centro, attacchinato all’interno di una vera e propria finestra, il manifesto del gazometro realizzato con la tecnica della cianotipia su carta riciclata. Attraverso questa installazione si è voluti risalire concettualmente alle origini della storia della fotografia. La prima fotografia della storia infatti, la “Veduta della finestra a Le Gras”, realizzata dal francese Nicephore Niépce (1766-1833) era una lastra di rame realizzata grazie all’effetto indurente della luce sul bitume di giudea. L’immagine così ottenuta era una riproduzione positiva della vista dalla finestra della stanza del fotografo a Le Gras, dopo un tempo di esposizione di circa otto ore. L’immagine originale della lastra però è talmente tenue che potrebbe quasi passare inosservata. Le due panoramiche del Tevere riproducono così idealmente l’esperienza dell’osservatore della prima fotografia della storia: un’immagine difficilmente leggibile, quasi del tutto nera, che si manifesta solo dopo un’attenta osservazione.

Performance.

18 Dic h 12 .30

Esposizione

 La stanza della Natura: una suggestione visiva e tridimensionale realizzata con installazioni e opere di riciclo creativo da 6 donne: Barbara Cappella, Nicoletta Di Paolo, Paola Spring, Pamela Mattana e Celeste Gazzili, che enfatizzano il legame della donna con la madre terra. Un percorso a gradazioni che sarà animato da letture, per sottolineare l’importanza di una cultura sugli scarti capace di trasformare il rifiuto in risorsa. Sarà possibile inoltre adottare una zolla di prato da piantare dove meglio si creda, con la promessa di prendersene cura e di inviare testimonianze fotografiche sotto l’astag #adottaunprato.

 

18 Dic h 17

Challenge

 #FPR

Flash mob: ZeroFoodWaste challenge è la sfida che verrà lanciata da ognuno di noi. Lo scopo sarà quello di sensibilizzare le persone a non sprecare il cibo, mediante la registrazione di un video dove chi verrà nominato, dovrà realizzare un piatto sfizioso e saporito con cibi avanzati e metterlo in rete. Quegli avanzi hanno 1001 ricicli, sfida i tuoi amici a trovare un nuovo modo di riusarli!

 

In copertina: Untitled di Dèbora Machado. Utilizzo con la licenza CC https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *