Chi è il migrante?

La migrazione esiste da quando l’essere umano è comparso sulla Terra e la ritroviamo già nelle culture precedenti, come quella Greca e Romana che fondarono i loro imperi sulla capacità delle persone di emigrare.

Il migrante infatti decide di spostarsi per una serie di fattori come il commercio, conflitti, questioni sociali o ambientali oppure per migliorare il proprio tenore di vita.

È proprio questa molteplicità di fattori fa sì che la migrazione sia tra le dinamiche più variabili e meno prevedibili in quanto non c’è una netta corrispondenza tra gli eventi (le migrazioni) e gli individui interessati (i migranti).

In questo contesto la globalizzazione gioca un ruolo fondamentale perché basta un click per sapere lo stile e tenore di vita di una nazione, rendendo appetibile il desiderio di emigrare.

Fattori Push e Pull

E così si hanno i fattori Pull che attirano l’immigrazione e i fattori Push che spingono le persone a lasciare il proprio paese alla ricerca di un benessere maggiore.

Questa antica libertà di movimento viene messa in pratica da persone coraggiose e forti, perché non è semplice lasciare la propria Terra, Cultura e soprattutto la propria famiglia.

Alla base quindi c’è una grande determinazione e forza che solo chi è stato o è migrante può capire.

Photo di Sung Ming Whang. Usato con la licenza https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/legalcode

Il paese di accoglienza poi non sempre è come lo immaginavamo, ma anzi ci troviamo di fronte a tante difficoltà come la lingua, gli usi, il cibo e la cultura, che talvolta rappresentano delle  barriere all’integrazione.

Quest’ultima infine può essere vista come lo step finale di un percorso migratorio concluso con successo perché solo a quel punto il migrante si sentirà parte integrante del tessuto sociale.

Solo cosi ci può essere uno scambio e arricchimento di culture e stili di vita, che renderanno ognuno di noi cittadini di un mondo globalizzato.

In viaggio per Avventura, per Dimenticare, per Amore, per Soldi, per Ricordare per Sopravvivere..

Foto di copertina: MIGRANT WORKERS RETURN HOME AT DUSK FROM A DAY IN THE SUGAR BEET FIELDS di Gillette, Bill, 1932-, Photographer

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *